Illuminismo digitale

Non si può imporre per legge l’illuminismo, ma si possono stabilire le regole del gioco a tutela dell’interesse pubblico.

Nel suo ultimo libro, Robert Darnton, Professore di storia e Direttore della biblioteca di Harvard, indica una importante necessità: quella di ridisegnare l’ecologia dell’informazione scientifica. I saggi tradotti in italiano in “Il futuro del libro” (Adelphi, 2011) espongono al lettore in termini semplici, chiari ed efficaci questioni centrali per il futuro della comunicazione scientifica e della stessa scienza.

  • L’adozione di politiche per l’accesso aperto (come quella adottata a Harvard).
  • i progetti di digitalizzazione del patrimonio culturale (e in particolare librario) per garantire l’accesso gratuito alla conoscenza (come sta cercando di fare, in Europa, Europeana).
  • L’adozione dei libri digitali per garantire anche ai giovani studiosi la possibilità di pubblicare monografie scientifiche (è stato molte volte osservato come la cosiddetta “crisi del prezzo dei periodici” abbia messo in ginocchio le biblioteche, limitandone progressivamente le capacità di acquisto; un’altra conseguenza di quella stessa crisi interessa il modo in cui si fa ricerca. In particolare, i ricercatori – soprattutto se giovani – sono oggi costretti a obbedire all’imperativo “pubblica o muori”: devono cioè pubblicare molto e spesso, e non possono permettersi di intraprendere lunghi progetti di ricerca – a meno di non farlo da dilettanti, senza aspirare a entrare in un’università. I libri digitali offrono, tra le altre, la possibilità di superare questo limite, permettendo di essere costruiti “a strati” e dunque di essere pubblicati nel tempo. Con importanti vantaggi anche per chi legge, che si trova di fronte molte “piste” diverse da esplorare).
  • La creazione di servizi pensati per sostenere gli accademici incardinati in università pubbliche nel processo di contrattazione con gli editori e, in generale, per offrire strumenti per la disseminazione, la condivisione e la preservazione dei risultati scientifici (come lo Office for Scholarly Communication a Harvard).

Sono alcune delle risposte e soluzioni che Darnton propone per ridisegnare un ecosistema in crisi, che rischia di essere ulteriormente minato da progetti come Google Books Search. Quali sono gli effetti del grande progetto di digitalizzazione avviato da Google? Il nuovo servizio amplierà le possibilità di accesso alla conoscenza, o rischia di restringerle? E quali sono le alternative che le istituzioni di ricerca possono esplorare, nel tentativo di controbilanciare le conseguenze del progetto lanciato da Google? Darnton risponde con un percorso a ritroso, dal futuro verso il passato, raccontando la propria esperienza come studioso e come bibliotecario e bibliofilo, e spiegando come la digitalizzazione e la democratizzazione del sapere costituiscano un percorso obbligato nella costruzione della res publica delle lettere nell’età della rete.

Annunci

One Comment on “Illuminismo digitale”


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...